Anche se lo Sposo dello sgabello trasportava la toilette portatile del re e registrava i suoi movimenti intestinali, il royal toilet attendant era comunque una posizione ambita.

Portable Commode Featured

Wikimedia CommonsA close stool non dissimile da quello che lo Sposo dello Sgabello avrebbe trasportato per un re Tudor.

Lo sposo dello sgabello era il lavoro di merda originale. Eppure, era uno che tutti i nobili del regno sarebbero morti-o uccisi-per avere. Responsabile della cura del re durante le sue abluzioni e le escrezioni, lo Sposo dello Sgabello si prendeva cura di tutte le esigenze del bagno del monarca — e aveva il suo orecchio per tutto il tempo.

Particolarmente potente nel periodo Tudor, questa posizione di corte era quella che ogni aristocratico in Inghilterra sognava di riempire.

I doveri di uno sposo Dello sgabello

I requisiti dello sposo sono stati registrati in una canzoncina orecchiabile pubblicata nel 1452 dal Libro di Nutrimento:

“Vedi che la casa privata per la servitù sia bella, dolce e pulita;
E che le tavole siano coperte di stoffa bella in verde;
E il buco stesso, guarda che non c’è nessuna tavola da vedere;
Su di essa un bel cuscino, l’ordine che nessun uomo possa vessare.
Guarda che ci sono coperte, cotone o lino per pulire l’estremità inferiore,
E ogni volta che chiama, aspetta pronto e pronto,
Bacino e anguilla, e sulla tua spalla un asciugamano.”

In superficie, sembra che il compito dello Sposo fosse quello di spostare lo sgabello, o toilette mobile, da un palazzo all’altro, per sorvegliare i gioielli quotidiani del re mentre li rimuoveva e per monitorare i movimenti intestinali del monarca per il medico reale.

Lo sgabello mobile stesso, naturalmente, era il migliore che il denaro e l’influenza potessero comprare. Un documento del 1495 descrive che il comò doveva essere realizzato in legno pregiato drappeggiato in velluto nero e “orlato di seta two due bacini di peltro e quattro ampi iarde di stoffa fulva.”

Re Enrico VIII Ritratto in piedi

Wikimedia CommonsKing Enrico VIII era noto per popolare la posizione con amici intimi. Tutti i suoi Sposi erano cavalieri.

Anche il lavoro aveva la sua parte di glamour. Le molte ore di one-to-one tempo tra lo sposo e il suo re creato un legame intimo tra di loro. Gli sposi ricevevano spesso regali di vestiti fatti a mano (fatti per il personaggio reale, sarebbero stati di qualità e stile favolosi) così come il controllo sulle finanze della famiglia reale.

Soprattutto, gli Sposi dello sgabello avevano libero accesso al re ed erano spesso considerati confidenti incrollabili.

Compagni dinastici

La posizione dello Sposo dello Sgabello divenne ancora più prestigiosa durante la dinastia Tudor.

Re Enrico VIII sembrava aver scelto i suoi Sposi basandosi più sul temperamento che su qualsiasi altra cosa — spesso erano suoi amici intimi o un membro di spicco della sua schiera di gentiluomini. Il giovane re si comportava in molti modi come il presidente di una fraternità moderna, con lo Sposo dello sgabello come sedia sociale.

Mentre alcuni possono ‘poo-poo’ i doveri di questo lavoro, la maggior parte avrebbe gustato l’opportunità di avere l’orecchio del re.

Uno degli sposi più importanti del re Enrico VIII era Hugh Denys, che si sposò in un’influente famiglia aristocratica e godette dei vantaggi come uno dei membri più antichi dell’entourage del re.

Così potenti erano questi Sposi, e un tale canale era al cachet sociale, che un duca geloso una volta miffed che il re: “Darebbe le sue tasse, uffici e ricompense ai ragazzi piuttosto che ai nobili.”

Nel momento in cui gli Stuart ereditarono il trono dai Tudor, lo Sposo dello Sgabello aveva raccolto così tanta influenza che alcuni credevano persino che la guerra civile inglese fosse combattuta allo stesso modo sul gabinetto come sul campo di battaglia.

Re Enrico VIII Sposo sul letto di morte Nelle vicinanze

Sul letto di morte, lo sposo del re Enrico VIII era nelle vicinanze. È raffigurato quarto da destra in primo piano.

Durante la dinastia Stuart, lo Sposo godette anche di un piccolo cambio di titolo, in “Sposo della Stola.””Stola” deriva dalla parola latina per l’abbigliamento, stola, e intuisce che lo sposo aveva più a che fare con il guardaroba del re di lui ha fatto il bagno.

Tuttavia, le tipiche responsabilità dell’addetto al bagno erano ancora molto nella sua descrizione del lavoro.

Sposi famosi dello sgabello

C’erano tanti ruoli e vari gradi di influenza per gli Sposi dello sgabello quanti erano gli sposi.

Sir Anthony Denny, per esempio, aveva una speciale chiave d’oro e cucita con un nastro blu che poteva bloccare e sbloccare le camere personali di re Enrico VIII. Aveva persino il controllo sul timbro del re, in effetti la sua firma reale, che dava a Denny il potere simbolico di firmare il nome del re.

Sposo dello Sgabello a Carlo I

Wikimedia Commonsun ritratto del 1 ° conte d’Olanda, Sposo dello Sgabello a Carlo I fino al 1643.

Non tutti gli sposi sono stati così fortunati, però. Lo sposo Henry Norris, ad esempio, era un alleato politico di Anna Bolena e così incontrò lo stesso destino della regina giustiziata.

Infine, l’ultimo sposo della Stola fu James Hamilton, che servì il principe di Galles. Il lavoro è sceso, per così dire, quando detto principe è diventato re Edoardo VII, che è il bisnonno dell’attuale monarca regnante, la regina Elisabetta II.

La storia ha visto diversi sposi femminili dello sgabello pure. Elisabetta I aveva uno, ma lei la ribattezzò la signora della camera da letto e ha anche dato quel ruolo la responsabilità per governare e parrucchiere la regina. Intima amica della regina Anna, Lady Sarah Churchill, è stato anche detto di essere stato il suo sposo.

Pittura di Sarah Churchill

Wikimedia CommonsSarah Churchill era confidente della regina Anna e probabilmente il suo sposo dello Sgabello.

Allo stesso modo, l’usanza non era esclusiva dell’Inghilterra.

Un testo della fine del xvi secolo racconta una vivida esperienza in Francia:

” A seuenth (whome I woulde guesse by his writing to be groome of the stoole to some Prince of the bloud in France) scrive un trattato bestiale, solo per esaminare qual è la cosa più adatta per pulire withall, alledging che white paper è troppo liscia.”

A filo con il potere

Lo sposo dello sgabello era il lavoro sporco OG, pieno di merda che mangia, parla di merda e sì, merda reale. Eppure, la maggior parte dei nobili della corte sarebbero morti per l’opportunità di avere quel tipo di intimità con il re.

Franz I Austria's Wooden Close Stool

Fine Art Images/Heritage Images/Getty ImagesUse of a Groom of the Stool went beyond England. Ecco lo sgabello vicino di Francesco Giuseppe I d’Austria.

Non solo aveva un cachet politico, ma c’era un elemento quasi spirituale nel lavoro: il monarca era scelto da Dio, e quindi assistere nelle sue abluzioni era quasi come prendersi cura di una divinità. La connessione one-to-one tra il re e lo sposo è nato da un impulso decisamente terrena, ma sarebbe stato intimo, quasi sacro.

In effetti, è apparso per secoli, c’erano pochi di cui il re si fidava più dell’uomo che si asciugava il culo.

Per storie scatologiche più dispari, dai un’occhiata a questo p 300.000 vale la pena di cacca-art. Poi, leggi il fatberg, l’enorme intasamento di feci nel sistema fognario di Londra.