Jerry West ha un patrimonio netto stimato di Celebrity 55 milioni, secondo Celebrity Net Worth. Dopo aver giocato nella NBA come membro dei Los Angeles Lakers, West si trasferì dietro la panchina per allenare la sua ex squadra e servì come scout prima di assumere il ruolo di general manager. Fu in questo ruolo che ebbe, forse, il suo più grande impatto: scambiare Vlade Divac per assicurarsi i diritti di redazione per Kobe Bryant. Nello stesso anno, a Ovest firmato il free agent e Shaquille O’Neal, gettando le basi per i Lakers’ tre titoli NBA consecutivi nei primi anni del 2000.

Ha Suonato Per I Lakers Per 14 Anni

Nazionale di Basket Hall of famer Jerry West offre commento dopo essere stato premiato con la Medaglia Presidenziale della Libertà dal Presidente AMERICANO Donald Trump nel corso di una cerimonia nell'Ufficio Ovale della Casa Bianca 05 settembre, 2019 a Washington, DC.

Getty Images | Chip Somodevilla

West ha giocato per i Lakers per 14 anni negli anni 1960 e 1970. Fu scelto come secondo assoluto dalla West Virginia University nel Draft NBA 1960 dai Minneapolis Lakers. I Lakers si trasferirono a Los Angeles poco dopo che West si unì alla squadra, rendendo la guardia il primo Los Angeles Laker in assoluto.

Erano una delle migliori squadre della lega durante gli anni ’60, ma West e il resto dei suoi compagni di squadra non furono mai in grado di vincere un campionato NBA, perdendo tutte e sei le loro apparizioni finali contro i Boston Celtics guidati da Bill Russell. West ha finalmente messo le mani su un campionato nel 1972 con l’aiuto di Wilt Chamberlain. Sconfissero i New York Knicks in cinque partite, segnando l’unica vittoria finale che West avrebbe avuto come giocatore. Altre due sconfitte nelle finali gli hanno dato il record non invidiabile di 1-8 per il campionato.

Nonostante la sua scarsa fortuna sul palcoscenico più grande della NBA, West è stato uno dei giocatori più importanti in quell’epoca del basket, un 10 volte All NBA First Team membro e un All Star tutti i 14 anni della sua carriera da giocatore. Al di là delle sue statistiche e della vittoria nelle finali, l’eredità più duratura di West come giocatore era la sua silhouette, che-sebbene non sia mai stata ufficialmente confermata dalla lega-è comunemente considerata il logo ufficiale della NBA, secondo un rapporto di Logo Design Love.

Ha servito come dirigente per quattro franchigie NBA

Kobe Bryant #24 dei Los Angeles Lakers si congratula con gli ex campioni dei Lakers Jerry West e Norm Nixon dopo aver ricevuto il suo anello di campionato NBA 2009 prima della partita di apertura della stagione contro i Los Angeles Clippers allo Staples Center il 27 ottobre 2009 a Los Angeles, California.

Getty Images | Kevork Djansezian

Oltre al suo tempo nel front office dei Lakers, West ha servito in qualità di dirigente per altre tre franchigie NBA. Dopo che i suoi giorni di gioco erano finiti, divenne il capo allenatore dei Lakers per la stagione 1976-77. Durante il suo periodo come allenatore, i Lakers avrebbero raggiunto un record di 145-101 in tre stagioni, facendo i playoff ogni volta con un aspetto finale della Western Conference.

West sarebbe rimasto con i Lakers come scout dopo il suo periodo da allenatore, per poi diventare general manager della squadra prima della stagione 1982-83. Il suo tempo come general manager lo avrebbe visto mettere insieme i Lakers Showtime degli anni ‘ 80 che hanno visto la squadra raccogliere cinque campionati NBA. Ha poi ricostruito la squadra dopo un relativo crollo con Kobe e Shaq, vincendo tre campionati consecutivi tra il 2000 e il 2002.

Dopo aver lasciato i Lakers nel 2002, West si unì ai Memphis Grizzlies, una delle squadre più fallimentari della lega. Anche se non replicò il successo dei Lakers, fu in grado di trasformare i Grizzlies in una squadra di playoff e avrebbe vinto il premio NBA Executive of the Year nel 2004.

Si ritirò dai Grizzlies nel 2007, prendendo diversi anni di pausa prima di unirsi ai Golden State Warriors nel 2011. Durante il suo periodo come membro del consiglio esecutivo dei Warriors-che includeva anche una quota di minoranza non rivelata nella squadra-Golden State sarebbe diventata una dinastia, vincendo tre titoli tra 2015 e 2018. West non avrebbe fatto parte della squadra durante la loro vittoria finale 2018, tuttavia, mentre tornava a Los Angeles nell’estate di 2017. Questa volta, è diventato un membro del consiglio esecutivo dei Los Angles Clippers, dove rimane fino ad oggi.