Jarvis Island è un’isola corallina disabitata di 4,5 chilometri quadrati nel gruppo di isole Line vicino all’equatore, a circa 2.200 km a sud di Honolulu, Hawaii. Fu scoperto nel 1821 dal capitano Brown a bordo della nave britannica Eliza Frances. Gli Stati Uniti rivendicarono il possesso di Jarvis ai sensi del Guano Islands Act del 1856. L’atto ha dato ai cittadini americani il diritto di rivendicare eventuali isole non reclamate e disabitate allo scopo di estrarre guano o escrementi di uccelli. All’epoca il guano era un bene molto prezioso utilizzato per il fertilizzante.

I coloni furono trasferiti a Jarvis Island nel 1935 per mantenere una stazione meteorologica e pianificare un campo di atterraggio. Un insediamento chiamato Millersville è stato stabilito su una zona della costa occidentale dell’isola con la più alta elevazione, 7 metri (CIA). I giapponesi bombardarono l’isola nel 1942 e gli uomini che vivevano a Jarvis furono evacuati poco dopo. Nessuno è rimasto ferito nell’attacco.

Dal 1974 gli Stati Uniti Fish and Wildlife Service e il Dipartimento degli Interni degli Stati Uniti hanno mantenuto Jarvis Island come un rifugio nazionale della fauna selvatica e l’isola è disponibile solo per visitare con un permesso speciale, tuttavia in genere solo i ricercatori e persone simili sono dati permessi. Radioamatori sono stati anche conosciuti per essere concesso l’accesso a Jarvis Island (FWS).

Le coordinate dell’isola Jarvis sono 0,3783330°22′ 42″ S, -160,016667160°1′ O. Jarvis Island è spesso raggruppata insieme a Baker Island e Howland Island, che sono oltre 1850 km a ovest di Jarvis e, con Jarvis, costituiscono una porzione delle isole minori periferiche degli Stati Uniti. (Piu…)