Ah, cioccolato. Cioccolato dolce. Proprio come qualsiasi altro paese, in Giappone la gente ama il cioccolato. I cinque grandi marchi di cioccolato giapponesi lavorano per pompare tutte le dolci caramelle marroni che possono e le persone lo consumano a casa, in viaggio e nei ristoranti (e anche nelle scatole di abbonamento alle caramelle giapponesi). La mia famiglia ospitante in Giappone aveva persino un cagnolino di nome Choco-chan, la parola abbreviata per cioccolato. Tuttavia, il cioccolato è passato da praticamente inesistente a un grosso problema in un tempo molto molto breve in Giappone – con più diversi sapori di cioccolato che probabilmente ovunque.

Come è iniziato il cioccolato?

Il cioccolato è stato consumato per la prima volta da varie civiltà in Sud America che avrebbero preso i fagioli di cacao per fare una bevanda calda chiamata “chocolatl”, che significa “liquido caldo”. Quando Hernando Cortez incontrò gli Aztechi, lo riportò in Spagna dove lo zucchero fu aggiunto insieme ad altre spezie. Il primo cioccolato solido fu venduto nel 1847 in Inghilterra e il cioccolato al latte fu concepito in Svezia circa 30 anni dopo.

Illustrazione antica dei Maya che fanno il cioccolato

Il cioccolato ha conquistato il mondo da allora ed è noto per la sua meraviglia avvincente e ispiratrice d’amore. Ci è voluto un po ‘ per arrivare in Giappone, però.

“Dammi il cioccolato!”- La ricezione

Il Giappone ha avuto alcuni incontri con il cioccolato prima che terminassero il loro periodo di isolamento. Uno dei pochi gruppi di persone ammessi nel paese erano olandesi, e talvolta portato la bevanda al cioccolato che era diventato popolare tra le persone di fascia alta in Europa. La prima barretta solida di cioccolato venduta in Giappone si dice sia stata nell’era Meiji, ed è stata commercializzata come チョコレート, ma con il kanji 貯古齢糖. È interessante notare che questi kanji significano individualmente “salva”, “vecchio”, “età”e ” zucchero”. Penso che ci stia.

Una barretta di cioccolato Yokohama non aperto
Fonte: Love Choco

Il cioccolato ha iniziato a essere consumato durante l’occupazione, quando i soldati americani spesso lanciavano caramelle a gruppi di bambini giapponesi. Per questo motivo, in questo momento una delle prime frasi inglesi apprese e usate dai bambini giapponesi era ” Dammi il cioccolato!”

Cioccolato a forma di come la terraferma Stati Uniti
Fonte: Food Network Blog

Così cioccolato come è oggi è diventato prodotto in serie dopo il tempo di occupazione. Ciò significa che è molto più recente in Giappone rispetto alle Americhe o in Europa. Quindi cosa è stato fatto in quel poco tempo?

Allora, qual è la rotazione?

C’è solo qualcosa nel cioccolato giapponese che lo rende unico. È il fatto che ogni pezzo di dimensioni ridotte sia pre-tagliato o avvolto individualmente? È il fatto che il cioccolato al latte a volte ha un po ‘ di sapore di nocciola aggiunto ad esso? È il fatto che ha un gusto più cremoso, melty, cioccolatoso? Chi lo sa.

Uno dei più grandi punti di vendita del cioccolato giapponese, però, è la pura varietà di sapori. Tecnicamente, molti di loro in realtà non contano come cioccolato perché non hanno cacao in loro. Tuttavia, la definizione popolare li ritiene ancora cioccolato, e la moltitudine di tipi e sapori è impressionante.

Un corridoio di vari prodotti di cioccolato
Fonte: Rococochocolates

Una cosa che il Giappone ama fare con qualsiasi tipo di prodotto o marketing è edizioni limitate regionali. Un fantastico esempio di questo è Kit Kat, dove ci sono stati oltre 200 e contando vari sapori. Hai mai voluto provare un Kit Kat al gusto di wasabi? Che dire di fragolina dolcecuore? Salsa di soia? Il mio preferito è quello aromatizzato alla patata dolce. Indietro nei miei giorni di scambio studente, vorrei comprare una patata dolce aromatizzato Kit Kat bar quasi ogni giorno in autunno dal negozio attaccato alla stazione ferroviaria vicino alla mia scuola. Ero dipendente.

File di diverse barre di Kitkat giapponesi aromatizzate
Fonte :ななう

Un altro delizioso cioccolato regionale è Meltykiss. Meltykiss di solito appare intorno inverno, ed è un delizioso melty, ricco, cioccolato cremoso. Pensa come l’interno di un tartufo. Meltykiss è disponibile anche in una buona varietà di sapori tra cui tè verde, fragola e tè al latte.

Altri deliziosi giri includono chocoballs (letteralmente solo palline di cioccolato), Koala no march e il sempre famoso Pocky. Qual è il tuo preferito?

The Big Five

In Giappone, ci sono cinque distinti marchi di snack tradizionali: Lotte, Meiji, Morinaga, Ezaki Glico e Fujiya. Tutti hanno i loro espedienti e diversi deliziosi tipi di cioccolatini. Pensate a loro come il Hershey, Nestle, e Marte del Giappone.

In questa clip dallo show televisivo Gaki no Tsukai, i membri dello show fanno un test cieco di diversi tipi di barrette di cioccolato. Hanno difficoltà a distinguere tra loro. Lo faresti?

Embed for no longer exists

Quale marchio di cioccolato giapponese è il tuo preferito? Il mio è una specie di legame tra Meiji (dopo tutto, secondo i loro spot, il cioccolato È Meiji) e Dars.

Cioccolato e San Valentino

In Giappone, San Valentino si è trasformato in “giorno del cioccolato”. Quando la festa divenne popolare per la prima volta, era conosciuta come un giorno in cui le ragazze confessavano il loro amore a un ragazzo dandogli del cioccolato. Ma da qualche parte nel corso degli ultimi trent’anni o giù di lì, le ragazze devono aver detto ” perché non otteniamo alcun cioccolato?”, e ora il cioccolato è dato a tutti e da tutti. Voglio dire, pensateci in questo esempio: Nao fatto in casa namachoco per i suoi amici Naho e Rumi, ma sarebbe scortese dare solo a quei due, così lei deve fare abbastanza per tutti i suoi compagni di classe femminili. E poi, che dire dei suoi migliori amici in altre classi? E compagni di club?

Per risolvere questo problema dell’accaparramento del cioccolato, spesso a San Valentino vedrai ragazze che vanno in giro con una grande borsa piena di cioccolatini da regalare ad ogni singola persona che è sua amica (quei cioccolatini si chiamano tomo-choko ) e a chiunque si senta obbligata a dare il cioccolato (giri-choko ). Per saperne di più su questo, dai un’occhiata al vecchio post di Koichi sul giorno di San Valentino in Giappone.

Un pacchetto di cioccolato giapponese a grandezza naturale

Oltre al cioccolato semplice, fare tartufi al cioccolato, biscotti o cioccolatini decorativi sono tutti ben accolti e possono essere divertenti da fare. Il giorno di San Valentino che ho trascorso in Giappone, ricordo di aver mangiato cioccolato per tutto il giorno, un po ‘ come ho fatto in America, ma questa volta era per lo più fatto in casa e avvolto a mano.

Se sai che stai ricevendo tomo-choko, considera te stesso fortunato! Soprattutto se non hai restituito niente. Ma non preoccupatevi se avete dimenticato, si può sempre rimborsare la persona che ti ha dato il cioccolato dando loro un regalo indietro un mese più tardi il giorno bianco, 14 marzo.

Creatività giapponese al cioccolato

Qualsiasi cosa al mondo è solo una tela per l’arte, giusto? Beh, è a questi artisti creativi del cioccolato:

Vuoi scherzare qualcuno pensando che stai dando loro sushi, takoyaki o natto tanto amato? Beh, c’e ‘ del cioccolato per quello. Immagina la loro faccia quando aprono l’involucro natto per trovare, ew, cioccolato invece del loro cibo preferito di soia fermentata puzzolente.

O fare un iPhone di cioccolato!

Queste adorabili ragazze possono insegnarti come fare una torta al cioccolato in un fornello di riso. Ghana sembra essere il cioccolato di scelta quando si tratta di cottura e cottura.

Come puoi vedere, il cioccolato è amato e usato in Giappone tanto quanto il resto del mondo. In quali altri tipi di modi creativi pensi che le persone possano usare il cioccolato?

Non ne hai mai abbastanza?

Se questo post ti ha lasciato sbavare per il cioccolato (io urlo, tu urli, noi tutti urliamo per il gelato al cioccolato!), ecco alcune canzoni giapponesi ispirate al cioccolato per frenare (o infiammare) il tuo desiderio di cioccolato, così puoi persino pensare al cioccolato quando sei in giro!

Bitter Chocolate by SCANDAL

Embed for no longer exists

Allora, qual è il rapporto del Giappone con il cioccolato? Direi che il Giappone è altrettanto pazzo di cioccolato come qualsiasi altro paese. Sebbene i loro tassi di consumo siano inferiori alla maggior parte dei paesi europei e degli Stati Uniti, quando si tiene conto di quanto più tardi è stato introdotto nel paese, potrebbero recuperare il ritardo! Meglio (choco)tardi che mai!

Amiamo così tanto il cioccolato che abbiamo deciso di farti un’altra carta da parati al cioccolato. Siamo cosi ‘ dolci.

Carta da parati di cioccolato rosa Yummy