Prima console per videogiochi basata su cartucce: Jerry Lawson

Lawson è nato nel Queens, New York, nel dicembre 1940. È cresciuto con una madre feroce che ha assicurato che suo figlio ricevesse la migliore istruzione possibile e un padre scaricatore di porto con un appassionato interesse per la scienza. Fu sotto queste varie influenze che Lawson fu in grado di coltivare il suo naturale interesse per l’ingegneria, armeggiare con varie elettroniche e persino creare la sua stazione radio amatoriale all’età di 13 anni.

Ha studiato al Queens College e al City College di New York (CCNY), ma le abilità ingegneristiche di Lawson erano in gran parte autodidatte, e si è fatto strada nella nascente Silicon Valley della California. Alla fine è atterrato nel 1970 a Fairchild, una società di semiconduttori dove ha lavorato come ingegnere sul campo, uno dei pochi uomini neri nel settore al momento.

A metà degli anni 1970, Lawson ha contribuito a creare il Fairchild Channel F, una macchina di intrattenimento domestico che è stato prodotto nel 1976 da Fairchild Semiconductor, dove ha lavorato come direttore di ingegneria e marketing. (Solo anni prima, Mike Markkula, co-fondatore di Apple Computers Inc., aveva diretto marketing per la società. Anche se di base per gli standard odierni, il lavoro di Lawson ha permesso alle persone di giocare una varietà di giochi nelle loro case e ha aperto la strada a sistemi come l’Atatri 2600, Nintendo, Xbox e Playstation.